Una campagna irriverente per rilanciare Ferragamo

di La Redazione Commenta

Il Pattern Gancini è stata la chiave di volta, sotto la direzione creativa di Bryanboy, Ferragamo è stato lo sponsor della creazione di una serie di divertentissimi cortometraggi che hanno visto come tematica i vizi e le virtù degli influencer.

Una trovata geniale per la Maison fiorentina che ha ingaggiato i migliori influencer per il lancio del già iconico pattern Gancini. Salvatore Ferragamo è riuscito a svecchiare il suo brand e a toglierli quel velo di serietà attribuitagli da sempre. Tutto merito del suo Direttore Creativo Womenswear Paul Andrew che ha contribuito alla creazione di questo nuovo content.

Per il lancio del nuovo pattern Gancini monogram, un’evoluzione della già caratteristica fibbia a doppio gancio ispirata al battente in ferro con cui si legano i cavalli, Ferragamo non ha badato a spese ed ha ingaggiato i migliori influencer sul mercato. Questa è la prima volta che Salvatore Ferragamo si lascia tentare dal mondo degli influencer e inizia con il piede giusto.

Per l’occasione sono stati proprio il designer delle collezioni donna Paul Andrew, designer delle collezioni uomo Guillaume Meilland, l’amministratore delegato Micaela le Divelec Lemmi e il vicepresidente James Ferragamo ad invitare a cena i Top 8 a Firenze durante il Pitti Uomo 95.

Il progetto partirà proprio da Firenze, la città simbolo del Brand e avrò come protagonisti i migliori influencer del settore Caro Daur, Diet_Prada, Carlo Sestini, Tamu McPherson, Pelayo Diaz, Aureta e Susie Bubble, tutti sotto l’esperta direzione di BryanBoy. Insieme daranno vita a delle short movies che prendono in giro le manie, i tic e i vizi degli influencer. Interpretando con humor e autoironia la nuova collezione firmata Salvatore Ferragamo. Se non vedi l’ora di vedere la collezione di Salvatore Ferragamo, scoprila qui, sul sito di Stileo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>