Gucci, torna l’iconica borsa a spalla hobo Jackie

di Fabiana Commenta

Lo Chateau Marmont? Il più celebre degli hotel di Los Angeles. Jakie? Oltre che Jackie Onassis indica anche l’iconica borsa Gucci che prende il nome proprio da Jacqueline Kennedy Onassis che amava la borsa a spalla hobo diventata un cult. 

Un cult che la maison Gucci ripropone anche per l’estate 2019 e che si accinge a diventare una delle borse più ambite dalle fashion addicted. 

La nuova Jackie di Gucci torna prepotentemente in occasione del lancio della  Cruise 2019: Alessandro Michele ha pensato a una versione particolarmente glamour proponendo la Jackie con il logo dello Chateau Marmont, lo storico hotel di Los Angeles meta del jet-set internazionale e simbolo di decenni di storia, dagli anni sessanta agli anni ottanta captandone sempre le atmosfere e le tendenze. Ecco allora che la Jackie di Jackie in versione 2019 torna nella sua eleganza moderna e raffinata rinnovandosi nel materiale, con il tessuto “GG” e il patch “Chateau Marmont Hollywood”. L’iconica borsa borsa hobo di Gucci, Jackie nella nuova versione farà gola a molti, ma non tutti sanno che si tratta di un modello classico della Maison creata negli anni cinquanta con una forma a “sacco”, di manifattura pregiata in tessuto o morbida pelle, avvolta da una tracolla per portarla già comodamente a spalla.  La chiusura a moschettone rappresenta il segno inconfondibile del modello. 

La borsa fu poi successivamente ribattezzato Jackie quando l’icona di stile la indossò dopo le nozze con l’armatore Aristoteles Onassis finendo inevitabilmente al centro del gossip. E, spesso e volentieri, Jackie veniva paparazzato con la borsa di Gucci, una delle sue preferite tanto che il modello fu immediatamente ribattezzato in suo onore con il suo nome. 

 

photo credits | Gucci

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>