Roberto Cavalli e la nuova Gym Collection

di Federica Commenta

Farsi largo in un mare pieno di squali non è facile, per questo motivo è sempre meglio puntare sulla differenziazione e non rimanere schiavi di una stessa mentalità. Proprio come ha fatto Roberto Cavalli che, pochi giorni fa, ha presentato una nuova collezione, la Gym Collection. Come altri colleghi prima di lui, il designer toscano sfida il fashion system a colpi di leggings ed elastan, forse per colpire più duramente al cuore della crisi.

Da sempre stilista apprezzato e ammirato in tutto il mondo, soprattutto dalle grandi star che spesso lo scelgono per i loro red carpet, Cavalli ha deciso di dare uno svolta sportiva al suo brand dando vita a una collezione grazie alla quale potremo essere perfette e impeccabili anche in palestra (il look da palestra è da sempre un problema per molte di noi), cosa che permetterà al marchio italiano di entrare a far parte della vita quotidiana di ognuno di noi. Ovviamente Cavalli pensa anche agli uomini, per questo motivo la Gym Collection sarà dedicata al guardaroba maschile come a quello femminile.

Da quello che possiamo vedere dalle prime immagini si tratta di una inea a misura di fashion victim: leggings leopardati, dotati di banda laterale e realizzati in due versioni, quella naturale dai toni maculati e quella che sceglie colori meno appariscenti e opta per un ton sur ton nero e grigio; felpa di vellutino liscio, la giacca in pelliccia, magari meno sfruttabile del piumino con cappuccio e foderato all’interno con la stampa animalier maculata (una costante per Cavalli che dell’animalier ha fatto il suo segno distintivo).

Il colore utilizzato è soprattutto il nero, anche se la collzione si differenzia da molte altre di sportswear per la scelta azzardata e, al tempo stesso, originale, della fantasia animalier. Bene a vista su ogni capo svetta il logo della maison fiorentina.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>