Milano Moda Donna 2013-14, l’eleganza tormentata di Prada

di Elisa Mancini Commenta

Miuccia Prada ha sentito la necessità di spiegare  le sue creazioni per il prossimo autunno-inverno 2013-14  come espressione di “un’eleganza cruda, rude, dura. C’è come una rabbia di fondo difficile da spiegare”.

Molto difficile da spiegare, un’eleganza tormentata. Il concetto è più facile da incassare, però, se si guarda alla collezione come ad una protesta in passerella: si alzano voci diverse e discordanti che però, in fondo, perseguono un ideale analogo. E allora si spiega il tubino in pelle dorata e maltrattata, dai tagli asimmetrici e dalle spalline calate a scoprire le spalle. O indossato su un maglione di lana grossa, maschile.

 

Si trova pace nel cappottino bon ton, dalla gonna ruota e in quadretti vichy bianchi e rosa o nei manicotti di pelliccia. E di nuovo entra il messaggio forte del grido dei capelli bagnati sulle spalle e delle grandi bowling in coccodrillo.

E se una voce afferma vichy, l’altra dice righe verticali bordeaux e blu. Si leva poi la voce del tartan e quella dei ricami scintillanti. E’ il senso tormentato degli accostamenti che cozzano  e la crudezza della pelle, appena tagliata in pannelli e assemblata. Ed il grezzo tweed.

Mentre il dialogo trova punti di incontro nelle leggere sottovesti ricamate indossate sotto alle pellicce, dove l’unica nuance è un comprensibile marrone. Mentre confortanti a fianco dell’asimmetria,  sono i tagli sartoriali. Perchè in questo linguaggio multiforme trova posto anche l’antico come qualcosa che, per definizione, è anteposto, sta avanti e corre su sandali dal tacco grosso, grezzo.

Photo courtesy|Getty

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>