Giambattista Valli incontra Macy’s

di La Redazione 1

Romano di nascita, parigino d’adozione, Giambattista Valli si è reso protagonista di una scalata al successo che l’ha portato nell’Olimpo di quelli che contano in fatto di moda, e possiamo dire che lui, di moda, ne capisce eccome.

Le ultime notizie che si rincorrono per il web lo danno in corsa, e papabile vincitore, per una collaborazione con la catena di abbigliamento più famosa d’America, Macy’s.

Lo stilista da Red Carpet, che ha vestito star del calibro di Sarah Jessica Parker, Penelope Cruz e Charlize Theron, sarebbe quindi destinato ad essere il quarto designer dopo Kinder Aggugini, Matthew Williamson e Karl Lagerfeld, a firmare Impulse, una capsule collection in collaborazione con il grande magazzino. La linea sarà messa in vendita a novembre e, visto i prezzi convenienti, potrebbe essere destinata a vere e proprie razzie di massa come è già successo per i tre predecessori di Valli.

Ma questa non è che l’ennesima trovata geniale del pupillo di Ungaro, infatti il designer romano debutterà a luglio, durante la settimana della moda parigina dedicata all’alta moda, dove presenterà la sua prima collezione haute couture, una linea no season che si potranno distinguere solamente da un semplice numero progressivo e la prima sarà proprio la N°1.

Sembrerebbe quindi che il cammino del talentuoso designer sia lastricato di successi, dopo gli inizi nell’atelier di Roberto Capucci come assistente dello stilista, al ruolo di senior designer per Krizia, fino a quando viene chiamato da Emanuel Ungaro per ricoprire il ruolo di direttore creativo delle linee prêt-à-porter della maison. La vera svolta arriva però nel 2005 quando Valli decide di volare con le proprie ali e di dar vita a una linea di womeswear che porta il suo nome. Noi gli auguriamo ancora tanta creatività.

Commenti (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>