Céline e Givenchy interpretano la femminilità alla Paris Fashion Week 2013-14

di La Redazione Commenta

La femminilità ha forse bisogno di essere riletta, in modo che risponda alle spinte  e ai mutamenti della contemporaneità. Se ne sono resti conto Phoebe Philo per Cèline e Riccardo Tisci per Givenchy che hanno proposto una loro lettura. Molto eloquente e affascinante.

Cèline sceglie l’essenzialità e la pulizia delle linee geometriche e dei volumi ampi e morbidi. Per le gonne svasate e i cappotti a uovo o larghi dalle linee ridotte al minimo. Per gli scolli rotondi  e i colli  a cratere o che, con stampa a contrasto, si fanno decorativi rispetto alla tinta unita del resto. Per le mantelle asimmetriche e per le stole, protagoniste assolute della collezione.

E poi coccola con  pois e balze e colori pastello e morbidi come il rosa pallido, l’albiccocca ed il ceruleo ed il crema. Per raffreddare con il verde e il blu navy. E poi rompe  con il tartan e le righe  e poi irrompe con abiti in feltro di lana smanicati ma con le maniche legate in vita. O con le borse in cui infilare le maniche, che sono borse da spiaggia o per la spesa.

Ma la rottura rientra nella linea interpretativa della nuova femminilità che resta indiscussa e indiscutibilmente elegante.

Riccardo Tisci, invece fa introdurre la sua sfilata ad un Antony Hegarty che inneggia alla femminilità. Per poi fondere  ciò che è femminile con ciò che è maschile e tocchi di ispirazione urban e street.

Ed ecco allora felpe  e maglie bianche con immagini sacre  e ritratti d’autore e Bambi il cerbiatto. Così il chiodo, le giacche maschili e spessi maglioni sono indossati su gonne fluttuanti, a balze, decorate da rose rosse.

Oppure il chiodo diventa una sovragonna da indossare in vita con cuffia retrò sulla testa e gilet di pelliccia. E a portare il passerella il messaggio di Givenchy sono  donne come Bianca Balti, Maria Carla Boscono, Natalia Vodianova e Isabel Fontana.

Photo courtesy|Getty

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>